Secondi

STRUMENTI DA CUCINA

  ||  

TIPI DI COTTURA

  ||  

INGREDIENTI

  ||  

TRUCCHI E CONSIGLI

  ||  

FESTE E CENE

  ||  

DIETA E SALUTE

  ||  

CREA E RICICLA

  ||  

LA DISPENSA

Richiede iOS 5.0 o versioni successive Cibi e bevande https://itunes.apple.com/it/app/ricette-last-minute/id553199539?mt=8
Alt Ricetta
  • Difficoltà
    Difficolta'
    Facile
  • Tempo di preparazione
    Preparazione
    15 minuti
  • Tempo di cottura
    Cottura
    45 minuti
  • Porzioni
    Porzioni
    6
  • Dimensione teglia
    Info Teglia
    Nessuna teglia
  • Ricetta dietetica
    Dietetico
    No
  • Ricetta vegana
    Vegano
    No
  • Ricetta vegetariana
    Vegetariano
    No
  • Senza uova
    Senza uova
    Si
  • Senza cottura
    Senza cottura
    No

Descrizione

Vi siete mai domandati cosa sarebbe successo alla cucina internazionale se in ogni paese del mondo si fossero trovati, fin dall'antichità, tutti gli ingredienti e tutte le spezie esistenti? Ad esempio se nella cucina francese medievale il curry fosse stata una spezia coltivata in patria (anche se in realtà il curry non è una spezia bensì la mistura di varie spezie indiane) non ci sarebbero state creme francesi magari insaporite con curcuma, paprika, ecc.???

Comunque questo è ciò che si propone di fare la cucina fusion, cercando di reinventare la tradizione gastronomica internazionale ed abbattendo le barriere in materia culinaria. In realtà tutti cuciniamo fusion oggi, potendo con facilità reperire prodotti internazionali sul mercato. Se decidiamo di sfumare il nostro merluzzo con un po' di salsa di soia invece di usare il sale allora la cucina è fusion, se aggiungiamo un cucchiaino di curry al nostro pollo italiano allora stiamo cucinando fusion... il fusion è tra di noi! Ascoltando un'intervista di un famoso cuoco di Instanbul sostenitore della "detta" corrente di pensiero la cucina fusion sarebbe: prendere tutti gli ingredienti che giungono da ogni dove, mescolarli con i prodotti locali e dosare le quantità a personale gusto e piacimento, sempre condizionati dalla propria nazionalità. Il risultato? Un piatto originario di un paese molto suggestivo chiamato Mondo! Il mio omaggio alla cucina fusion è questa quiche con gamberi al curry e zenzero.

La quiche è la classica torta salata della Francia, ad una base di pasta brisè si aggiunge il composto di uova panna acida e pancetta. In questo caso ho rispettato l'idea della pasta brisè molto delicata, però il composto interno ci fa volare in India...

International Food by Elena

Ingredienti

  • Pasta brisè già pronta (500 g)
  • 600 g di gamberi
  • 3 patate medie
  • 1 cipolla
  • 1 costa di sedano
  • 1 cucchiaio di curry
  • Sale q.b.
  • 20 g di zenzero fresco
  • Olio q.b.
  • 1 spicchio d'aglio
  • 1 bicchiere di brandy
  • Pepe nero q.b.
  • 20 g di burro

Preparazione

  1. Prepariamo il guazzetto per i gamberi. In un tegame riempito di acqua per 2/4 mettiamo 1 cipolla, il pezzo di zenzero, il sedano, le patate pulite, i gamberi, un pizzico di sale, il brandy e un filo di olio. Lasciamo cucinare coperto fino a bollore, dopodiché facciamo bollire per 10 minuti. Togliamo i gamberi e continuiamo la cottura del brodo finché le patate siano morbide.

  2. Gamberi in guazzetto

  3. Puliamo i gamberi e nel frattempo sciogliamo il burro in una padella con lo spicchio di aglio schiacciato. Uniamo i gamberi sgusciati, spolverizziamo con curry e sfumiamo con il brodo filtrato. Insaporire per 5 minuti e spegnere la fiamma.

  4. Prendiamo le patate ormai morbide e schiacciamole bene. Stemperiamo il composto di patate poco alla volta con il brodo tenuto da parte in modo da renderlo denso, aggiustiamo di sale spolverizziamo con il pepe ed uniamo i gamberi con il sughetto ottenuto dalla precedente mantecatura in padella (ricordatevi di buttar via l'aglio).

  5. In una teglia rotonda rivestiamo con carta da forno e stendiamo la pasta brisè. Se avanza impasto possiamo realizzare una treccia che contorni il brodo della quiche e anche delle roselline poste sui lati. Versiamo il composto di gamberi nella brisè ed inforniamo a 200° per 30 minuti (se necessario guardare la superficie e continuare la cottura finchè sia ben dorata) spegnere il forno e lasciar asciugare la quiche al suo interno.

  6. Pasta brisè con composto dentro

  7. Va servita tiepida, comunque fatta con anticipo va bene perchè può essere sempre riscaldata al momento. E' un piatto adatto come antipasto per dare inizio ad una cena un po' particolare a base di pesce. Volendo potete cucinarla anche per una festa tra amici, posta lì sul tavolo da buffet fra vari assaggi fusion... divertitevi!

Note Aggiuntive

Commenti